domenica 30 dicembre 2012

ESERCIZI SULLE PRINCIPALI E LE DIPENDENTI

Fai l'analisi del periodo indicando le proposizioni principali e dipendenti e se sono implicite, esplicite, ellittiche di un elemento.

Passa con il mouse sugli spazi gialli per vedere la soluzione

1)Ascoltando la radio ho appreso le ultime notizie sul maremoto

Ascoltando la radio=dipendente implicita
ho appreso le ultime notizie sul maremoto=principale esplicita

2)Il vento è un movimento di masse d'aria prodotto dalla differenza della loro temperatura e pressione

Il vento è un movimento di masse d'aria=principale esplicita
prodotto dalla differenza della loro temperatura e pressione=dipendente implicita, ellittica del soggetto (il vento è sottinteso)

3)L'Italia è ricca di acque montane sfruttate per produrre energia elettrica

IL'Italia è ricca di acque montane=principale esplicita
sfruttate per produrre energia elettrica=dipendente implicita, ellittica del soggetto (le acque è sottinteso)

4)Prima che facesse notte, tutti erano tornati a casa

Prima che facesse notte=dipendente esplicita
tutti erano tornati a casa=principale esplicita

5)Poichè siamo molto stanchi per il viaggio, vorremmo andare subito a letto

Poichè siamo molto stanchi per il viaggio=dipendente esplicita
vorremmo andare subito a letto=principale esplicita ellittica del soggetto (noi è sottinteso)

6)Il corteo ha fatto tappa a Milano, poi si è diretto a Verona

Il corteo ha fatto tappa a Milano=principale esplicita
poi a Verona=dipendente esplicita, ellittica del soggetto (il corteo è sottinteso)

7)Chi ha rotto la finestra? Marco!

Chi ha rotto la finestra)=principale esplicita
Marco!=dipendente ellittica del predicato(l'ha rotta è sottinteso)


PROPOSIZIONI ESPLICITE IMPLICITE ED ELLITTICHE

Le proposizioni si dicono esplicite quando hanno un verbo di modo finito--->indicativo, congiuntivo, imperativo, condizionale.

Si dicono implicite quando hanno un verbo di modo indefinito---->infinito, participio, gerundio.

Es.
Tornarono indietro [esplicita], appena saputa la notizia [implicita]
Tu studi [esplicita] per imparare [implicita]

Quando in una proposizione ci sono degli elementi sottintesi (soggetto, predicato o entrambi) allora si dice che è ellittica del soggetto, del predicato o di entrambi.

Es.
Se studi (ellittica del soggetto che è TU ed è sottinteso) otterrai la promozione.
Mia moglie va a fare shopping, io allo stadio. (vado  è sottinteso--->ellittica del predicato)

REGOLETTA
La principale è sempre  esplicita
La dipendente può essere esplicita o implicita

sabato 29 dicembre 2012

LO SFRUTTAMENTO DEL SOTTOSUOLO DURANTE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

Alla base della rivoluzione industriale europea ci fu soprattutto la ricerca di nuove fonti di energia che vennero trovate nel sottosuolo ed estratte da fossili organici come carbone, coke, petrolio greggio e benzina.
L'Europa industrializzata

Fino ad allora l'energia fondamentale era stata fornita dalla combustione del legno (riscaldamento) e dalla forza dell'acqua (movimento pale dei mulini e altre macchine).

Ma, nel 1800, il mondo entrò in quella che viene chiamata "l'era del carbone e del vapore": lo sfruttamento di queste sostanze aumentò la possibilità di utilizzare l'energia per moltissimi scopi, sia a livello industriale che civile.

Carbone, petrolio e i gas naturali sono chiamati combustibili fossili perché sono composti da piante e batteri fossili: in pratica l' energia solare si è conservata in questa sorta di "batterie naturali" per milioni di anni.

Inquinamento
Durante la rivoluzione industriale la crescita della popolazione e la grande diffusione dell'agricoltura accelerarono il ritmo della deforestazione a cui si accompagnò quel riscaldamento dell'atmosfera di cui oggi si sente tanto parlare e che, già allora, faceva prospettare una crisi energetica globale.
Insieme a questo bisogna si verificò una crescita nell'inquinamento delle acque dovuto soprattutto ai composti chimici  che venivano riversati dalle industrie nei fiumi e nei laghi.

giovedì 27 dicembre 2012

CRONOLOGIA DELLA PREISTORIA



CRONOLOGIA DELLA PREISTORIA

    4       MILIARDI DI ANNI FA
NASCITA DELLA TERRA
530     MILIONI DI ANNI FA
COMPARSA DEI PRIMI VERTEBRATI
370     MILIONI DI ANNI FA
GLI ANFIBI EMERGONO DALL'ACQUA
300      MILIONI DI ANNI FA
PRIMI RETTILI
240      MILIONI DI ANNI FA
PRIMI DINOSAURI
125      MILIONI DI ANNI FA
COMPAIONO LE PRIME PIANTE FIORITE
65      MILIONI DI ANNI FA
ESTINZIONE DEI DINOSAURI
14      MILIONI DI ANNI FA
PRIME SCIMMIE ANTROPOMORFE
2.300.000        ANNI FA
HOMO ERECTUS
 150.000        ANNI FA
HOMO SAPIENS SAPIENS


-->

lunedì 24 dicembre 2012

DIFFERENZA FRA WHICH E WHAT CON ESERCIZI

Which e What possono significare entrambi "cosa, quale", ma si usano in contesti diversi---->

WHAT si usa quando la scelta è fra molte cose  (what identifica)

WHICH si usa quando invece la scelta è limitata  (which sceglie)

Esempi:---->

What books did you read for your last year's  English class? (quali libri hai letto per il corso d'inglese dell'anno scorso?---->si suppone che la scelta fosse fra molti testi)

Which of books on the list you have already read?(quali dei libri della lista hai già letto?--->si suppone che sia una lista abbastanza breve)

Ci sono anche dei casi in cui which e what si possono usare indifferentemente--->
Which/what day next week you can come and visit us?

ESERCIZI


Passa con il mouse sugli spazi gialli per vedere la traduzione

1)Qual'è il tuo nome?

1)What's your name?

2)Che tipo di macchina hai?

2)What kind of car have you got?

3)Qual'è il tuo?

3)Which one is yours?

4)Qual'era la tua materia preferita alle elementari?

4)What was your favourite subject at primary school?

5)Qual'è la tua materia preferita, letteratura inglese o chimica?

5)Which subject do you prefer, english literature or chemistry?
6)Che penna usi di solito?

6)What kind of pen do you usually use?
7)Ci sono due penne qui? Quale preferisci?

7)There are two pens here. Which one do you prefer?
8)Qual'è il tuo indirizzo email?

8)What is your email address?
9)Su quale canale è il tennis?

9)Which TV channel is the tennis on?

domenica 23 dicembre 2012

RIASSUNTO DE "IL BARONE RAMPANTE"

Il Barone Rampante è un libro di Italo Calvino scritto nel 1957 che racconta le avventure di un barone che trascorse tutta la sua vita sopra gli alberi.

Trama
Ha 12 anni il giovane Cosimo Piovasco di Rondò quando un giorno, dopo aver litigato con il padre a causa di un piatto di lumache, decide di ritirarsi sopra ad un albero e di restare a vivere lì. Il padre è naturalmente convinto che si tratti di un capriccio e che presto il ragazzo si stancherà, ma in realtà Cosimo non scenderà mai più dai suoi amati alberi: egli vi passerà tutta la vita e attraverso questi girerà il mondo intero vivendo incredibili avventure senza posare mai un piede sulla terra.
E' Biagio, fratello minore di Cosimo, a raccontarci la storia: egli ci narra degli incontri straordinari del fratello con personaggi di ogni tipo, dalla giovane Violante (la Sinforosa) figlia dei suoi vicini, ai briganti di Gian de Brughi, fino ad una comunità di nobili spagnoli esiliati dalle terre del Re che, per questo motivo, vivono anch'essi sugli alberi.

Tematica
La storia di Cosimo è la storia di un esilio volontario, del rifiuto di certi valori che il protagonista del romanzo non condivideva. Gli alberi diventano più che un rifugio, una sorta di barriera (metaforica oltreché fisica) tra Cosimo e un certo mondo che la figura del padre, così rigida e intransigente, rappresentava.
Oltre al giovane barone, figura di suo straordinaria, nel racconto sono moltissimi i personaggi talmente grotteschi e improbabili da suscitare nel lettore un'immediata simpatia.

Il romanzo è il secondo capitolo della “trilogia degli antenati” di Calvino, di cui fanno parte anche “Il visconte dimezzato” e “Il cavaliere inesistente”.


QUI l'analisi del libro (narratore, sistema dei personaggi, stile, etc.)

TEST D'INGLESE

RIEMPI GLI SPAZI CON LA FORMA CORRETTA

RIEMPI GLI SPAZI CON LA FORMA CORRETTA

In alcune frasi c' è più di una risposta giusta
 

LA TRIPLICE ALLEANZA IN BREVE

La Triplice Alleanza (verde oliva) e la Triplice Intesa (in verde scuro 

La Triplice alleanza, stipulata nel 1882 e durata fino al 1915, fu un patto militare fra impero austro-ungarico, Germania e Italia.
Aveva scopo difensivo: cioè le tre nazioni coinvolte avrebbero dovuto aiutarsi reciprocamente in caso di attacchi esterni (in particolare da parte della Francia che aveva forti mire espansionistiche in Europa). 
Per Bismarck, il cancelliere tedesco, l’alleanza rappresentò il completamento del sistema di alleanze anti-francesi che comprendeva anche la lega dei tre imperatori stipulata nel 1873 con Austria-Ungheria e Russia.
Per l’Italia, invece, la Triplice Alleanza fu un modo per uscire dall'isolamento internazionale, ulteriormente aggravato dal trattato di Berlino del 1878, e dal protettorato francese sulla Tunisia del 1881 (anche Roma aspirava ad occupare la Tunisia).
L’alleanza, però, fu spesso messa in crisi dai frequenti contrasti fra l’Austria e l’Italia ( in relazione alle questione del Trentino e della Venezia Giulia -le cosiddette terre irredente- e all’ espansionismo asburgico nei Balcani).
Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, l’Italia rivendicò il carattere difensivo dell’alleanza e decise quindi di non intervenire per poi avvicinarsi all’ Intesa con il Patto di Londra ed entrando nel conflitto mondiale contro l'Austria-Ungheria. 

RIASSUNTO GUIDO GUINIZZELLI

Guido Guinizzelli, nato nel 1230 a Bologna, esercitò la professione di giudice prima di venir esiliato, per ragioni politiche, a Monselice (in provincia di Padova) dove poi morì nel 1276.
Egli viene considerato il precursore del dolce stil novo: la corrente letteraria italiana del XIII secolo,  di cui la sua canzone "Al cor gentil rempaira sempre amore" è considerata il manifesto.
     Codice con la poesia Al cor gentil rempaira sempre amore
In questa poesia si ritrovano i temi fondamentali della sua poetica: la corrispondenza fra l'amore e il cuor gentile e la figura della donna angelicata. La gentilezza di cui parla il poeta è la nobiltà d’animo, l’elevatezza del pensiero, la disposizione del carattere verso la virtù, la sensibilità e la delicatezza, la capacità di provare sentimenti profondi.
La donna angelo di Guinizzelli è una creatura che, grazie alla sua bellezza, nobilita l'uomo e lo fa ascendere al cielo. Egli riprende, come poi farà Dante, l'idea che Platone aveva dell'amore e  la donna è sostanzialmente l' intermediario fra la fisicità del nostro mondo terreno e quello, spirituale, di Dio.
La produzione poetica del Guinizzelli,  cronologicamente imprecisa poichè non si conoscono le date esatte dei suoi componimenti, è costituita da  5 canzoni, 15 sonetti ed alcuni piccoli frammenti poetici. 
Il suo esempio fu fondamentale per la produzione letteraria di Dante:  egli viene spesso citato, a partire dalla Vita Nuova e poi in altri testi poetici, ed indicato come saggio equiparato ai grandi autori biblici e della Scolastica.

venerdì 21 dicembre 2012

TEST SUI CASI LATINI

INDIVIDUA IL CASO LATINO CORRETTO

INDIVIDUA IL CASO LATINO CORRETTO

 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

TEST GRAMMATICA

QUIZ LE CAPITALI EUROPEE

QUIZ I GUERRA MONDIALE

RIPASSA CON I QUIZ

RIPASSA CON I QUIZ
Clicca sull'immagine

ESERCIZI DI INGLESE

QUIZ CAPITALI MONDIALI