martedì 12 febbraio 2013

BREVE STORIA DEI PIEDS-NOIRS


Bandiera non ufficiale dei "Francesi d'Algeria" con scritto: "Non dimenticheremo l'Algeria"
Il termine Pieds-Noirs (Piedi Neri), che in origine indicava tutti i coloni bianchi nati in Africa, col tempo finì per riferirsi soltanto ai coloni francesi che rimpatriarono dopo l'indipendenza algerina del 1962. 
La comunità europea in Algeria comprendeva gruppi di varie origini: còrsi, spagnoli, italiani, maltesi, ma anche tedeschi e svizzeri. A questi si aggiungeva l'elemento di origine locale costituito dalla comunità ebrea algerina, completamente assimilata a quella francese. Benché i coloni di nazionalità francese fossero la maggioranza, i non francesi costituirono a lungo una quota importante di questa popolazione, fino a raggiungere il 49% nel 1886.
I Pieds-Noirs, che erano stati sostenitori del ritorno di de Gaulle alla politica, si sentirono acutamente traditi dal suo consenso all'indipendenza dell'Algeria, consenso che non teneva in alcun conto le conseguenze umane della scelta politica. 
Dopo la fine del conflitto franco-algerino, ai coloni venne offerto da parte del Fronte Nazionale di Liberazione (FLN), o di rimanere e prendere la nazionalità algerina, oppure tornare in Francia, lasciando per  sempre l'Algeria e tutto ciò che negli anni vi avevano costruito.
Fu così che tra aprile e agosto 1962 circa 900 mila Pieds Noirs lasciarono l'Algeria in una situazione caotica e disperata. 
Famiglie di Pieds-Noirs mentre lasciano l'Algeria
Lo slogan dei nazionalisti musulmani - "La valise ou le cercueil" (la valigia o la bara) - descrive molto bene il sentimento di questa popolazione, che sentendosi abbandonata e in grave pericolo, si lanciò in un esodo improvviso e massiccio.

La tragica scena di migliaia di persone nel panico, accampate per settimane sulle banchine dei porti d'Algeria in attesa di trovare un imbarco per la Francia, divenne drammaticamente abituale. Alcuni Pieds-Noirs, prima di imbarcarsi, distrussero i beni da cui si separavano, sia per disperazione sia per fare terra bruciata dietro di sé - molti altri, invece, partirono lasciando intatto e abbandonato il proprio patrimonio. 
I Pieds-Noirs arrivavano in Francia preceduti dalla fama di essere gente di destra, sfruttatori degli arabi, razzisti, violenti, maschilisti, un peso morto per l'economia della Francia che si stava modernizzando.
La sinistra comunista li attaccava come coloni rapaci.
Arrivati a Marsiglia su imbarcazioni sovraccariche, disperati e miserabili, furono ricevuti dai portuali con cartelli ostili che dicevano "A mare i Pieds-Noirs", mentre il sindaco socialista di Marsiglia, Gaston Defferre, dichiarava, nel luglio 1962: "Marsiglia ha 1.500.000 abitanti di troppo, i Pieds-Noirs vadano a reinserirsi altrove".
E' infatti vero che il governo francese mise in atto alcune politiche di inserimento (appartamenti con affitti bassi, posti a scuola per i bambini, impieghi nell'amministrazione pubblica), ma è anche vero che molta della documentazione che serviva ai Pieds-Noirs per dimostrare l'effettivo possesso di ciò che avevano lasciato in Algeria, era andata perduta durante la confusione del loro trasferimento e per questo a molti di loro fu semplicemente concesso un indennizzo che difficilmente poté coprire il valore morale e materiale di quell'abbandono repentino ed estraniante.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

TEST GRAMMATICA

QUIZ LE CAPITALI EUROPEE

QUIZ I GUERRA MONDIALE

RIPASSA CON I QUIZ

RIPASSA CON I QUIZ
Clicca sull'immagine

ESERCIZI DI INGLESE

QUIZ CAPITALI MONDIALI