lunedì 26 ottobre 2015

ANALISI L'AURA SERENA CHE FRA VERDI FRONDE PETRARCA

L’aura serena che fra verdi fronde

L’aura serena che tra verdi fronde
mormorando a ferir nel volto viemme,
fammi risovenir quand’Amor diemme
le prime piaghe, sì dolci e profonde; 4

e’l bel viso veder, ch’altri m’asconde,
che sdegno o gelosia celato tiemme;
et le chiome or avolte in perle e ‘n gemme,
allora sciolte, et sovra òr terso bionde: 8

le quali ella spargea sì dolcemente,
et raccogliea con sì leggiadri modi,
che ripensando anchor trema la mente; 11

torsele il tempo poi in più saldi nodi,
et strinse ‘l cor d’un laccio sì possente,
che Morte sola fia ch’indi lo snodi 14


Parafrasi
L’aria di primavera, che fra i rami verdi degli alberi viene a sfiorarmi il viso, mi fa tornare alla mente quando Amore mi inferse le prime sue ferite, tanto più dolci quanto più profonde;
e mi fa vedere il bel viso (di Laura) che altri (Laura) mi nasconde, (viso) che mi è tenuto celato dal suo comportamento altero o dalla sua gelosia; e (mi fa vedere) i suoi capelli, più biondi dell’oro purissimo, che allora teneva sciolti e che ora tiene avvolti in una cuffia ornata di perle e pietre preziose: 
ripensando al modo in cui lei scioglieva e  raccoglieva quelle chiome, l’anima sente ancora un tremito di emozione; 
il tempo, con l’avanzare dell’età, glieli ha stretti in nodi ancora più saldi e ha legato il mio cuore con un laccio così potente che solo la Morte sarà in grado di sciogliere.

Schema metrico
Sonetto formato da due quartine e due terzine
Versi endecasillabi che rimano ABBA ABBA CDC DCD 

Figure retoriche
L’aura= v.1 Senhal (sta per Laura)
Ferir nel volto= v. 2 Stilnovismo
sì dolci e profonde= v. 4 Ossimoro (le ferite vengono descritte come profonde (e quindi dolorose) e al tempo stesso “dolci”
trema la mente= v. 11 stilnovismo
saldi nodi= v. 12 Metafora (i nodi sono metafora del legame amoroso che si è fatto più saldo con l’avanzare dell’età: Petrarca non è riuscito a liberarsi dal vincolo amoroso che lo ha tenuto legato a Laura per tutta la vita e che potrà sciogliere solo nel momento in cui morirà)
strinse ‘l cor d’un laccio= v.13 Metafora che riprende quella del nodo del verso precedente

Amore e Morte (v. 3 e  v.14) sono due personificazioni

venerdì 23 ottobre 2015

RIASSUNTO REGNI ROMANO BARBARICI IN ITALIA

Sintesi realizzata indicando gli avvenimenti più importanti che portano all'invasione del territorio italiano da parte dei popoli germanici.

Gli Unni (popolazione mongola) conquistano la Cina, occupandola. Vengono cacciati ed emigrano verso ovest. Arrivano sulle rive del Danubio (confine dell'Impero Romano) e qui incontrano altre popolazioni organizzate in tribù (i germani).
La tribù germanica più vicina agli Unni erano i Goti che si distinguevano in: Ostrogoti (Goti dell'est) e Visigoti (Goti dell'ovest).
Attaccati dagli Unni, i Visigoti chiedono di entrare nei confini dell'Impero romano d'Oriente, ma qui, lasciati senza viveri, si ribellano all'esercito romano sconfiggendolo ---->Battaglia di Adrianopoli (378 d.C.).
A questo punto i Visigoti, capeggiati da Alarico, assediano Aquileia ( città del Friuli) nel 401 d.C e poi saccheggiano Roma (Sacco di Roma) nel 410 d.C.
Intanto gli Unni entrano in Italia e si fermano in Lombardia. Vorrebbero saccheggiare Roma, ma il papa Leone I Magno li convince ad allontanarsi offrendo tributi.
Nel 475 sale al trono dell'Impero romano d'Occidente Romolo Augusto. E' un inetto e, nel 476, viene deposto da un ufficiale germanico, Odoacre, che ne prende il posto. E' la fine dell'Impero romano d'Occidente e, per molti storici, l'inizio del Medioevo.
Teodorico, capo degli Ostrogoti, attacca Odoacre, lo sconfigge, e fa capitale del regno Ravenna. Teodorico governa per 30 anni, è un re tollerante nei confronti delle religioni e delle leggi (permette che i romani vengano giudicati secondo le leggi romane e non secondo quelle barbare).
Intanto l'Impero romano d'Oriente è sempre più un regno "orientale": la lingua adottata non è più il latino, bensì il greco. La capitale non viene più chiamata Costantinopoli, ma Bisanzio (infatti ora viene indicato come Impero Bizantino).
Costantino era stato il primo imperatore dell'impero d'Oriente e, nel Concilio di Nicea (325 d.C.), voleva ristabilire la pace religiosa e per questo definì la data della Pasqua e fece scrivere il Credo niceno.
E' lui il fondatore del cesaropapismo---> l'imperatore è sia capo politico (cesare) che religioso (papa).
La chiesa romana, invece, voleva che i vescovi fossero indipendenti dal potere del re-->si crea una prima frattura fra la chiesa cristiana orientale che si definiva ortodossa e quella romana che si definiva cattolica.
Nel 527 sale al trono d'Oriente Giustiniano che vuole riconquistare i territori in mano alle popolazione barbare--> spazza via i Vandali dal Nord Africa e i Visigoti dalla Spagna.
Per mandare via gli Ostrogoti dall'Italia inizia una guerra, la guerra greco-gotica, che dura 20 anni.
I Bizantini vincono e mettono al potere un governatore, chiamato Esarca, e Ravenna è la capitale del regno bizantino in Italia.
Giustiniano è ricordato anche per l'importantissimo Corpus Iuris Civilis o Codice di Giustiniano che è una raccolta di leggi romane, di rilevante importanza storica.
Nel 569 arrivano in Italia i Longobardi. Assediano Pavia per 3 anni, la conquistano e ne fanno la loro capitale. Alcuni manipoli di guerrieri scendono lungo la penisola e fondano il Ducato di Spoleto e il Ducato di Benevento.
A questo punto l'Italia è divisa in Longobardia (territori in mano ai Longobardi) e Romània (territori in mano ai Bizantini)

martedì 20 ottobre 2015

ANALISI SONETTO 29 SHAKESPEARE


Talora, venuto in odio alla Fortuna e agli uomini,
io piango solitario sul mio triste abbandono,
e turbo il cielo sordo con le mie grida imani,
e contemplo me stesso, e maledico la sorte,

agognandomi simile a tale più ricco di speranze,
di più belle fattezze, di numerosi amici,
invidiando l'ingegno di questi, il potere di un altro,
di quel che meglio è mio maggiormente scontento;

ma ecco che in tali pensieri quasi spregiando me stesso,
la tua immagine appare, e allora muto stato,
e quale lodola, al romper del giorno, si innalza
dalla terra cupa, lancio inni alle soglie del cielo:

poiché il ricordo del dolce tuo amore porta seco
tali ricchezze, che non vorrei scambiarle con un regno.


Riassunto
In questo sonetto Shakespeare avverte tutto il peso e l'amarezza per la propria solitudine: egli si sente il più infelice degli uomini, perseguitato dal destino. Però, mentre è immerso in questi tristi pensieri, gli succede di pensare alla persona che ama e allora lo sconforto si trasforma in gioia e la sua triste condizione diventa, come per miracolo, più bella e fortunata di quella di un re. 

Struttura
14 versi divisi in 3 quartine e un distico
La lirica è costruita in modo armonico: nella prima quartina la solitudine del poeta è espressa in modo quasi disperato tanto che il poeta chiede al cielo il perché di tanto dolore senza ricevere alcuna risposta. 
Nella seconda quartina Shakespeare paragona la sua condizione con quella degli altri uomini: si sente invidioso perché ciascuno di loro gli appare più fortunato e non riesce a sentire alcun conforto per i beni che possiede, per le doti che ha.
La poesia, però, non si chiude con questo tono di profonda tristezza: il ricordo della persona amata giunge improvviso a salvarlo (terza quartina). Il volto della donna amata, i ricordi che il poeta ha di lei sono come la luce del sole che vince le tenebre della notte. E per il poeta non esistono più ne' paure ne' angosce ne' infelicità. Tutto è cambiato. Nel lasciare questa sensazione di dolore egli si paragona ad un'allodola che si alza da terra: dalla pena più profonda, il ricordo dell'amore lo ha sollevato fino alle soglie del cielo. Negli ultimi due versi la sfortuna iniziale è mutata nella più bella delle condizioni umane, il poeta si sente tanto ricco da non voler cambiare la sua vita con quella di un re. (distico).  

Figure retoriche
Personificazione= "Fortuna" (lettera maiuscola) "el cielo sordo"
Similitudine= "simile a tale più ricco di speranze...",  "e quale lodola"
Metafora= "al romper del giorno" (all'alba)
Enjambements=" si innalza/dalla terra cupa", "porta seco/tali ricchezze" , 
Iperbole="alle soglie del cielo"

Campi semantici
Dolore e solitudine= odio, piango, solitario, triste, abbandono, maledico, scontento, terra cupa,
Amore=dolce, amore, ricchezze, regno
Silenzio/Voce=cielo sordo, grida inani, contemplo me stesso, lancio inni.


lunedì 19 ottobre 2015

RIASSUNTO PRESOCRATICI ABBAGNANO

Presocratici significa "prima di Socrate": lui, infatti, si occuperà dell'uomo, mentre loro si occuparono soprattutto della natura e degli aspetti visibili della realtà.
Dire Presocratici equivale a dire Presofisti perché sono i sofisti ad essersi occupati dell'uomo.

Dove nasce questa corrente filosofica?
Nelle colonie greche della Ionia, in Magna Grecia, ad Atene (con Anassagora).

Problemi principali trattati
Cosmologico=relativo all'universo/cosmo
Ontologico= relativo all'essere/alla realtà

Scuola di Mileto
Si sviluppa nella Ionia (parte meridionale dell'Asia Minore). Nasce come una nuova corrente culturale che vuole liberarsi dalle credenze magiche-->i filosofi si concentrano sui fatti naturali e si rendono conto che i mondo è mutevole, in continuo cambiamento. Si convincono che, al di là di ciò che appare, esista un'unica realtà che è eterna. (Quindi ciò che esiste è solo una realtà passeggera.)

La sostanza primordiale--> l'arché
La realtà eterna viene chiamata arché, cioè principio, e comprende
  • la materia da cui tutte le cose derivano
  • la forza che anima tutte le cose
  • la legge che spiega la loro nascita e la loro morte
 Da questi principi derivano l'ilozoismo, il panteismo e il monismo che caratterizzano questi primi filosofi:
-->ilozoismo significa che la materia è fornita di una forza che la fa muovere
-->panteismo significa che identificano il principio eterno con la divinità
-->monismo significa che dietro al divenire del mondo riconoscono un unico principio

Talete
Fondatore della Scuola di Mileto. Opera intorno al 580 a.C. Fu uomo politico, astronomo, matematico, filosofo. Non si hanno suoi scritti filosofici-->lo conosciamo grazie ad Aristotele. Secondo Talete il principio è l'acqua. Anche la Terra poggia sopra l'acqua. Diceva anche che "tutto è pieno di dei"-->visione panteistica e ilozoistica delle cose.

Anassimandro
Fu uomo politico, astronomo, filosofo. Fu il primo autore di scritti filosofici in Grecia-->scrive l'opera in prosa "Intorno alla natura" .
Secondo Anassimandro il principio di tutto è l'apeiron, cioè un principio infinito e indeterminato
da cui tutto si origina e a cui tutto torna per dissolversi. L'apeiron è indistruttibile e immortale, quindi divino.
Principio della separazione
La terra secondo Anassimandro
Secondo Anassimandro è il processo attraverso cui le cose derivano dall'apeiron-->la sostanza infinita è in eterno movimento e da essa le cose si separano in virtù dei contrari (caldo/freddo - secco/umido).
Da questa separazione derivano infiniti mondi che seguono un ciclo di nascita, durata e fine.
La terra per Anassimandro è un cilindro sostenuto da nulla.
Gli uomini non sono gli esseri originari della natura perché non sanno nutrirsi da soli-->per questo ritiene che discendano da altri animali--> gli uomini nacquero dentro i pesci, poi dopo essere stati cresciuti e resi autonomi, vennero buttati sulla terra.

Anassimene
Il principio fondamentale è l'aria--> è infinita e in movimento incessante, è la forza che anima il mondo.
Come avviene la trasformazione delle cose? Attraverso un doppio processo:

  • rarefazione= l'aria diventa fuoco 
  • condensazione=dopo essere diventata fuoco l'aria si condensa e diventa vento, poi nuvola, poi condensandosi ancora acqua, terra e pietra.
Anche il caldo e il freddo si generano allo stesso modo: la condensazione produce il freddo, la rarefazione il caldo.














                     

mercoledì 14 ottobre 2015

DIVISIONE DEL MEDIOEVO

Negli ultimi decenni il Medioevo è stato rivalutato dagli storici, passando dall'essere considerato un età buia a momento storico importante in cui si sono formati i caratteri culturali dei popoli europei.

Il Medioevo viene solitamente distinto in due momenti:


  • ALTO MEDIOEVO ( cioè il più antico, il più vecchio) che va dal 476 d.C. all'anno 1000 (circa!) e che, in Europa, fu caratterizzato da un declino economico, culturale, politico

  • BASSO MEDIOEVO (cioè quello più recente) che va dall'anno 1000 alla fine del 1300 (circa!) e che fu caratterizzato invece da una ripresa economica, da sviluppi tecnologici, miglioramenti di vita.

All'interno di questa macro divisione possiamo individuare tre fasi fondamentali: 


VI – VII SECOLO (anni 500-600)
VIVII SECOLO (anni 500-600)
Regni Romano-Barbarici
Si disgrega l’unità dell’Impero romano

IXXI SECOLO
(anni 800-1000)
Sacro Romano Impero
Carlo Magno

XIIXIV SECOLO
(anni 1100 – 1300)
Nascita monarchie nazionali in Europa e comuni in Italia
Ripresa economica, sviluppo tecnologico

QUANDO FINISCE IL MEDIOEVO?
  • Per alcuni storici il Medioevo termina con la caduta di Costantinopoli (1453)
  • Per altri termina con la scoperta dell’America da parte di Colombo (1492)
  • Per altri ancora con l’inizio della Riforma Protestante (1517)

venerdì 9 ottobre 2015

COME RICONOSCERE LE METAFORE

La metafora si ha quando in un testo una parola viene sostituita da un altro termine che ha un significato equivalente o simile. 

Per farla semplice pensate che la metafora è una similitudine senza il “come
Es.
Paola è veloce come un fulmine (similitudine)
Paola è un fulmine (metafora)

Quel tiramisù è come una bomba (similitudine)
Quel tiramisù è una bomba  (metafora)

Alcuni esempi di metafore per abituarvi a riconoscerle nei testi (sia poetici che in prosa).

Esempi di metafore

La mia nipotina è un terremoto
Giorgio era divorato dai sensi di colpa
Oggi mi sento uno straccio
Il mare dei ricordi mi tormenta
Per ricaricarti ci vuole un tuffo nel verde della campagna
Il fiume serpeggia lungo la valle
Le tue parole sono lame taglienti
Non preoccuparti per Giulio: è una roccia!
Ieri sera c’è stata bufera in casa dei Rossi
Certe volte Roberta è proprio un’oca
Fate attenzione all’ispettore: è una volpe
Laura aveva i capelli d’oro
Da quando mi ha lasciato ho il cuore di pietra
Mi ha mandato un sacco di baci
Se ne è andato nel fiore dell’età
Carlo, nel suo lavoro, ha bruciato le tappe
I due giovani si mangiavano di baci
Il seme della discordia germogliò velocemente
Anna, mentre aspettava il suo bimbo, era un fiore
La campagna sta morendo a causa dell’inquinamento


giovedì 8 ottobre 2015

ANALISI IL SENTIERO DEI NIDI DI RAGNO


NARRATORE
Il romanzo è narrato in terza persona.  Il narratore è eterodiegetico (esterno), palese, non onnisciente.
Il narratore conosce bene i personaggi dal punto di vista psicologico, ma non conosce gli avvenimenti, anzi spesso si domanda che cosa accadrà in seguito.

TEMPO
Il romanzo è ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale (dopo l'armistizio dell'8
 Settembre 1943), nel periodo della Resistenza partigiana.
Non sappiamo in quale periodo dell'anno siamo, ma la storia narrata da Calvino occupa un tempo piuttosto breve (forse un mese o giù di lì).

SPAZIO
I luoghi in cui è ambientato il romanzo sono nel ponente ligure, in particolare la città di Sanremo (città in cui Calvino stesso visse a lungo) e la sua zona vecchia, la Pigna, dove sono ancora presenti i Carruggi, gli stretti vicoli dove si svolge tutta la prima parte del libro. La seconde parte delle vicende si svolge soprattutto all'esterno, nei boschi e sulle montagne sopra la città.

FABULA E INTRECCIO
Fabula e intreccio sostanzialmente coincidono nel romanzo. Le vicende sono narrate in modo lineare.
Sono presenti tre analessi (flashback):

  • la storia della Nera e di Pin (nel 2° capitolo)
  • la storia di Miscell (3° capitolo)
  • la storia di Cugino


PERSONAGGI
Vengono tutti presentati dal narratore, più per l'aspetto caratteriale che fisico. Fanno eccezione Lupo Rosso che si presenta da solo e Mancino che viene presentato da Cugino.
Caratteristica dei personaggi di questo romanzo è che hanno tutti un soprannome.
Il protagonista è Pin.
Gli aiutanti del protagonista sono Lupo Rosso, Cugino, Dritto, Mancino, Giglia.
Antagonisti (o falsi aiutanti) sono la Nera (sorella di Pin), Miscell il Francese, Pelle. Questi ultimi sono tutti personaggi dinamici in quanto cambiano i loro ideali, passano da uno schieramento all'altro.

REGISTRO
In alcuni punti il registro è formale, ma più spesso è di livello basso e colloquiale.
Sono presenti molti detti gergali, dialettali e popolareschi.
Prevale il discorso diretto (per dare più autenticità al racconto).
Il tempo della narrazione è il presente.

TEMATICHE
Amicizia-->Pin ricerca inconsciamente fin dall'inizio della storia un amico, qualcuno che lo prenda in considerazione e che lo capisca veramente. A lui vorrebbe mostrare il suo luogo magico, il sentiero dei nidi di ragno, ma per gli adulti dell'osteria Pin è soltanto una macchietta, un giullare. La ricerca di Pin terminerà solo con l'arrivo di Cugino: è lui l'amico che lo prenderà per mano.
Guerra --->Tematica più evidente nella seconda parte del romanzo, quando Pin entra nell'accampamento partigiano. E' evidente l'elemento autobiografico dell'autore che partecipò alla Resistenza come partigiano insieme al fratello. In questa parte si sentono le paure e la tensione dei soldati prima dei conflitti.
Adolescenza--->Pin è orfano, ha solo la sorella che, peraltro, non si occupa minimamente di lui. Sta entrando nell'età dell'adolescenza, ma si sente già grande. Cerca di farsi accettare dagli adulti e per questo crede di comportarsi come tale, dicendo parolacce, compiendo azioni "da grande". In realtà, nessuno lo prende veramente sul serio e Pin reagisce chiudendosi, troncando i rapporti, schernendo gli altri come se non sapesse in che altro modo farsi notare. In fondo Pin è e resta un bambino durante il romanzo, un bambino solo, impaurito da tutto ciò che accade intorno a lui. Lo conferma il suo affidarsi a Cugino, a quell'uomo buono e potente, un ala protettrice con cui affrontare la notte del futuro.

KIM
A lui è dedicato il libro e un intero capitolo (il nono).
Kim è un commissario partigiano, un intellettuale, studente di medicina (studia psichiatria). Ha il nome del protagonista del romanzo omonimo di Rudyard Kipling. Secondo alcuni critici sotto il suo personaggio si celerebbe Calvino stesso.
Famoso il suo discorso nel bosco di larici insieme a Ferreira "Forse non farò cose importanti, ma la storia è fatta di piccoli gesti anonimi..." in cui si evidenzia il sentimento partigiano che animò molti giovani e anche molti vecchi dell'epoca. La volontà di esserci, di combattere per la patria, per il riscatto da una vita oppressa, per le offese, lo sfruttamento..
Qui il discorso completo di Kim nel capitolo 9.

SCHEMA SEQUENZE NARRATIVE

DOVE
DOVE
SEQUENZA
FILO CONDUTTORE
VICOLI DELLA CITTA’ VECCHIA (SANREMO
Pin viene messo alla prova dagli adulti
IL SENTIERO DEI NIDI DI RAGNO DOVE SI RIFUGIA PIN, DOVE NASCONDE LA PISTOLA, DOVE PORTA CUGINO
Pin ruba la pistola al tedesco
CARCERE
Pin viene arrestato
Pin fugge dal carcere con Lupo Rosso
BOSCHI e ALTURE DELLA CITTA’
Pin incontra cugino
Cugino porta Pin nell’accampamento partigiano
FIENILE, BOSCHI E CITTA’ VECCHIA
L’accampamento brucia
Battaglia partigiani/fascisti
Lite tra Pin e il Dritto
Pin ruba la pistola alla sorella
Pin e Cugino diventano amici

domenica 4 ottobre 2015

GEOGRAFIA DELL'AFGHANISTAN

Confini= a Nord con Turkmenistan, Uzbekistan, Tajikistan
               a Ovest con Cina e Pakistan
               a Sud col Pakistan
               a Est con l'IRan
Capitale= Kabul
Forma di governo= Repubblica presidenziale
Religione= a maggioranza musulmana
Lingue ufficiali= Dari, Pashtu
Moneta= Afghani

L'Afghanistan è situato nell'Asia centrale e non ha sbocchi sul mare.

Territorio
Il territorio è prevalentemente montuoso: più del 50% della nazione si trova ad un'altitudine superiore ai
2000 mt.  La catena montuosa più importante è quella dell'Hindu Kush, che  attraversa il paese da nord-est a sud-ovest. Il monte più alto è il Monte Noshaq che misura 7.485 mt.
A nord i monti digradano in un una fertile pianura percorsa dal fiume Amu Darya, mentre a sud si trovano aride lande desertiche e bacini palustri.

Idrografia
L'Afghanistan è bagnato da numerosi fiumi -tra i più importanti l'Amu Darya, l'Hari, l'Helmand - che finiscono tutti nei deserti meridionali, a parte il fiume Kabul che è invece affluente dell'Indo.
Sono fiumi non particolarmente ricchi d'acqua, anzi molti di questi sono a carattere torrentizio.

Clima
Il clima è molto freddo d'inverno e torrido d'estate.
Nei mesi freddi le temperature scendono fino a 15° sotto lo zero, mentre d'estate si raggiungono i 30° e oltre. Da notare la forte escursione termica che caratterizza il paese (forte differenza di temperatura fra la notte e il giorno) e la scarsità delle piogge (circa 30 giorni all'anno di media), fattori dovuti alla distanza dell'Afghanistan dal mare e alle catene montuose dell'Asia Centrale.

Terremoti
La forte attività tettonica ha generato nel paese paesaggi affascinanti, ma ha anche provocato numerosi terremoti. Ogni anno se ne registrano circa 50, quasi tutti di debole intensità. Il più grave è avvenuto nel luglio del 1985 ed ha raggiunto il livello 7.3 della scala Richter.

Popolazione
A causa dell'instabile situazione politco-governativa e per le numerose guerre che ne hanno caratterizzato la storia, è difficile dare numeri precisi circa la popolazione afghana. Si stima ci siano circa 30 milioni di abitanti, con una densità media piuttosto bassa (circa 480 abitanti per kmq): la popolazione è concentrata in villaggi sugli altopiani e nelle grandi città.
Per quanto riguarda la composizione, l'Afghanistan ospita numerosi gruppi etnici: tra i più importanti ricordiamo i Pashtun, i Tajiki, gli Hazara e gli Uzbechi.

La Bamiyan Valley 
Città principali
Kabul(la capitale), Kandahar, Herat, Mazar-i Sharif, Kunduz, Jalalabad

Economia
Dopo la caduta del regime talebano l'economia è cresciuta grazie agli aiuti internazionali.
Nonostante ciò, l'Afghanistan resta una nazione molto povera. La maggior parte della popolazione soffre per la scarsità di cibo e per la mancanza dei beni di prima necessità: acqua potabile, cure mediche e medicine, elettricità. 
Una delle voci più importanti nell'economia del paese è data dall'agricoltura: si coltivano oppio, grano, noci. 
Si allevano ovini e bovini che forniscono lane e latticini. 
Le industrie sono tutte su piccola scala e producono mattoni, lavorati tessili, scarpe, prodotti alimentari, tappeti lavorati a mano.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

TEST GRAMMATICA

QUIZ LE CAPITALI EUROPEE

QUIZ I GUERRA MONDIALE

RIPASSA CON I QUIZ

RIPASSA CON I QUIZ
Clicca sull'immagine

ESERCIZI DI INGLESE

QUIZ CAPITALI MONDIALI